Contatto Segnala il Sito
Pagina iniziale del PortaleCerca nel Portale
Home » L'olio della conversione  
Libri sul Salento
··L'olio della conversione
»Il sole e il sale
»Libro di M. Brando
»Pietre del Salento
»Libri sul Salento
»Archeologia del Salento
Conosci il Salento
Accedi all'Area Riservata
Le Aree!
»Grecia Salentina
»Nord Salento Adriatico
»Nord Salento Jonico
»Sud Salento Adriatico
»Sud Salento Jonico
Itinerari nel Salento

Luigi Caricato: L'olio della conversione

La suggestiva e leggendaria "vita del Santo dei Voli"

Con il romanzo L'olio della conversione, edito da Besa, lo scrittore Luigi Caricato offre un insolito e verace ritratto di san Giuseppe da Copertino

L'olio della conversione è un'avvincente biografia del santo dei voli, scritta in forma di romanzo, tra realtà storica e invenzione, ma sempre fedele alle fonti storiche. A firmarla è il quarantenne Luigi Caricato, al suo felice esordio in narrativa.

Così, dopo le molte attenzioni riservate in occasione del quarto centenario della nascita del patrono degli esaminandi e degli aviatori, si affaccia ora nuovamente in libreria la storia di uno tra i più amati e memorabili santi della tradizione.

La figura del padre conventuale Giuseppe da Copertino ritrova qui vitalità sullo sfondo di un racconto sospeso tra miracolose guarigioni e mistici doni. La prosa è moderna e scattante, per speditezza di strutturazioni sintattiche e nitidezza di scelte lessicali; il racconto è intenso e profondo, per la capacità di commuovere e attrarre a sé anche i non credenti. Luigi Caricato si muove infatti con garbo e armonia, facendo capolino in punta di piedi nella vita del grande mistico, fino a esprimere con nitidezza tutta la spiritualità di una esistenza di totale dedizione a Dio.

Al centro della storia vi è una guarigione miracolosa, avvenuta proprio attraverso l'unzione con l'olio di una lampada votiva. Giuseppe da Copertino visse infatti in prima persona, da ragazzo, gli esiti di una terribile e devastante malattia. Costretto a letto per molti anni, ha sopportato sofferenze atroci e continue umiliazioni. Lo chiamavano "bocca aperta", perché si assentava dalla realtà, preso da rapimenti estatici. Salvato da morte certa, scelse la strada del sacerdozio e il cammino verso la santità.

Luigi Caricato, L’olio della conversione, Besa 2005, pp. 204, euro 14

Nota biografica

Luigi Caricato è nato a San Pietro in Lama, Lecce, il 2 luglio 1965; vive a Milano, dove dirige il settimanale on line "Teatro Naturale". E' autore di vari saggi e con L'olio della conversione è al suo esordio in narrativa. Ha studiato a Milano, laureandosi in Pedagogia presso l'Università Cattolica e Scienze Religiose presso l'Issr.

Intervista

  1. Domanda: Caricato, perché ha scritto una vita in forma di romanzo?
    Risposta: Perché le vicissitudini di Giuseppe da Copertino si prestano moltissimo ad essere narrate, proprio perché collocate lungo una linea di confine indefinita, in cui finzione e realtà si confondono ma non si annullano. I suoi voli, le levitazioni, il dono di leggere le coscienze e altri fenomeni come la scienza infusa attraggono moltissimo. Questi aspetti della sua vita lo hanno reso celebre, ma lo hanno anche tormentato.
  2. Domanda: Il suo Giuseppe da Copertino com’è?
    Risposta: Vero, umano, molto umano. La santità non è una dimensione tanto lontana da noi, prende forma e si concretizza proprio attraverso la nostra esperienza terrena. Giuseppe è un santo di difficile comprensione, è diverso perché appartiene a una espressione di spiritualità intensa e ardua. La sua santità è stata una continua lotta con il demonio. E' stata una battaglia dura e devastante. Una lotta impari con le forze del male, che padre Giuseppe ha vinto senza esitazioni attraverso la forza sbalorditiva della preghiera e con l’abbandono fiducioso in Dio.
  3. Domanda: Cosa trova il lettore nel suo romanzo?
    Risposta: Nessun messaggio edulcorato. Il lettore scorge un santo nelle cui vene pulsa l’assoluto. Giuseppe è un mistico, e ha una conoscenza e una percezione di Dio di una profondità straordinaria e perfino stordente per chi non è preparato a confrontarsi con la nuda verità del divino. Per molti le estasi, le levitazioni e altri doni mistici sono soltanto catalogabili come fenomeni straordinari, per certi versi anche spettacolari, divertenti. Ma non è tuttavia in questi segni esteriori la chiave di lettura per leggere la santità di Giuseppe; è soprattutto nell’esperienza di Dio che il santo copertinese prova in prima persona, sulla propria pelle, sperimentando anche attraverso sofferenze inaudite, la presenza salvifica e dirompente di un Dio che si è fatto uomo e si è calato nella storia.

Articolo segnalato da Luigi Caricato

Ultimo aggiornamento: 26/04/2006 (09:33)

Facebook
Iscriviti al nostro
Gruppo su Facebook

Segnala la pagina

Da leggere:
»Pro loco del Salento
»Le Tavole di San Giuseppe
»Da vedere a Cutrofiano
»I Luoghi di Don T. Bello
»Da Otranto a Leuca
»Santa Sofia
»Sorgenti libere!
Soggiornare nel Salento!

La tua Struttura

Vuoi inserire la tua Struttura Ricettiva su ProlocoSalento? Contattaci...
Tel. 368/3413297

Versione StampabileVersione stampabile

Cerca nel Portale delle Pro Loco
 
Home Il Consiglio Modulo di Contatto Segnala il Sito Cerca GuestBook

Ass.ne Pro Loco del Salento
Viale Francesco Ferrari 5, Casarano Lecce
Per informazioni: Tel./Fax 0833/513351
Giuseppe Botrugno: e-mail - Beatrice Arcano: e-mail
E-mail: info@prolocosalento.it
Vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti del sito.
L'Associazione non è responsabile
dei documenti e delle foto pubblicate dalle singole Associazioni aderenti.