Contatto Segnala il Sito
Pagina iniziale del PortaleCerca nel Portale
Home » Matteo Maria Orlando  
Idea Cultura
»Se la pietra fiorisce
»Le Muse di Caputo
»Dietro la lanterna
»L'innocenza di Giulio
»Un saggio di Helga Foger
»LECCE SBAROCCA
»Gli occhi di mia figlia
»La passione secondo Eva
»Equi ti amo
»A Carlo Benincasa
»Fra evasori e Stato
»Una tomba per Edipo
»Biglietto, prego
»Stefania Portaccio
··Matteo Maria Orlando
»Romano Oldrini
»Alta Moda, Ventura a Roma
»Resci in Cina
»Giuseppe Resci
»Vento freddo sull’Arneo
»Xylella fastidiosa
Conosci il Salento
Accedi all'Area Riservata
Le Aree!
»Grecia Salentina
»Nord Salento Adriatico
»Nord Salento Jonico
»Sud Salento Adriatico
»Sud Salento Jonico
Itinerari nel Salento

Versi d'amore alla donna che fa male al corpo

Versi d'amore alla donna che fa male al corpo

 Versi d'amore alla donna che fa male al corpoCultura Francesco Greco (cover sul sito La Vita Felice)

Non è facile scrivere versi d’amore nel III Millennio. Bisogna misurarsi con la memoria. E con i grandi poeti che ne hanno scritto: da Saffo a Goethe passando per Tagore e Prevèrt. Il confronto scatta d’istinto.

E’ una tematica che non concede alibi, con cui non si può bluffare: se l’ispirazione c’è, bene, sennò è meglio che le poesie restino inedite, al limite rottamarle.

Eppure Matteo Maria Orlando, alla sua seconda prova a distanza di un anno (nel 2011 era uscito col delizioso “Dietro la lanterna”, Terre Sommerse), riesce a farsi leggere e questa nuova raccolta, “Mi fa male una donna in tutto il corpo”, Edizioni La Vita Felice, Milano 2012, pp. 64, € 10 (collana “Agape”, squisita prefazione di Giuseppe Caruso, bella foto di copertina di Renato Capece), conferma la vena di freschezza e di novità (Matteo è nato nel sud della Puglia, a Corsano, nel Leccese, ha appena 24 anni e studia Giurisprudenza a Roma, inoltre manda avanti “Elettreratura”, un progetto musico-elettronico-poetico che testimonia la sua verve geniale e l’originalità della ricerca intrapresa).

Il titolo di questa nuova raccolta è preso da un testo di Jorge Luis Borges, mentre Caruso in prefazione vola alto citando il prof. Keating interpretato da Robin Williams ne “L’attimo fuggente” (film-cult USA del 1989, guarda caso l’anno della caduta del Muro di Berlino e alcune tirannie dell’Est europeo), che teatralmente straccia davanti agli studenti un saggio sulla poesia del professor Prichard, ma anche Leopardi e “L’infinito”.

Il volume contiene 24 poesie, per lo più brevi. Il rischio di un giovane autore è che si inoltri nelle asprezze degli sperimentalismi, espedienti spesso utili a nascondere un’ispirazione vacillante come una padronanza della lingua vaga e incerta. Alla stregua di Rimbàud e Jhon Keats, in stato di grazia, (l’euforia che dà l’amore) Orlando si pone invece al crocevia del tempo, la storia, i luoghi, le koinè per comporre versi già maturi per una donna idealizzata che richiama i cavalieri medievali (“…il cosmo si flette / al suo passaggio”; “tutto / porta il tuo nome”; “dolce sangue di donna / a tutto doni un senso”), portatrice di energia dolce, creativa, maieutica di cui un uomo vorrebbe contagiarsi per dare un senso al sentimento e all’erotismo.

“Portami lì / dove il ventre della terra non trema / il fratello non cade / e il binario non muore”, chiede il poeta, lupo che vaga nella selva dell’idioma in cerca della parola “che ti sia specchio”, ma anche delle “Pallide / le tue mani somigliano allo scrigno d’Otranto”.

Posseduti da Eros, la realtà si trasfigura in un mondo sognato, desiderato, dove l’isola che non c’è è a portata di mano: così “Cesare scampa alla lama dei vili”, mentre “semini resurrezioni nei regni post-atomici” (“Altissima”) e “Gli astri tratteggiano il tuo volto / sullo specchio dei vent’anni” mentre “Leggo / sul tuo palmo / l’esatta geografia / dell’universo”.

Sino all’apoteosi finale: “Sei l’isola che l’esule / rimpiange / nell’ultimo sospiro”. Orlando rivergina il mistero dell’eterno femminino, donna mistero senza fine bello: la restituisce alla sua antica essenza. In fondo i capricci di Elena fecero scoppiare una guerra sanguinosa, il Re d’Inghilterra rinunciò al trono per amore di una divorziata americana e il mito di Marilyn Monroe dura da 50 anni. Alziamo gli occhi al cielo pare dirci Orlando: il XXI secolo non può essere surrogato dal trash di Lady Gaga…

Ultimo aggiornamento: 09/11/2012 (14:25)

Facebook
Iscriviti al nostro
Gruppo su Facebook

Segnala la pagina

Da leggere:
»Pro loco del Salento
»Le Tavole di San Giuseppe
»Da vedere a Cutrofiano
»I Luoghi di Don T. Bello
»Da Otranto a Leuca
»Santa Sofia
»Sorgenti libere!
Soggiornare nel Salento!

La tua Struttura

Vuoi inserire la tua Struttura Ricettiva su ProlocoSalento? Contattaci...
Tel. 368/3413297

Versione StampabileVersione stampabile

Cerca nel Portale delle Pro Loco
 
Home Il Consiglio Modulo di Contatto Segnala il Sito Cerca GuestBook

Ass.ne Pro Loco del Salento
Viale Francesco Ferrari 5, Casarano Lecce
Per informazioni: Tel./Fax 0833/513351
Giuseppe Botrugno: e-mail - Beatrice Arcano: e-mail
E-mail: info@prolocosalento.it
Vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti del sito.
L'Associazione non è responsabile
dei documenti e delle foto pubblicate dalle singole Associazioni aderenti.