Contatto Segnala il Sito
Pagina iniziale del PortaleCerca nel Portale
Home » Stefania Portaccio  
Idea Cultura
»Se la pietra fiorisce
»Le Muse di Caputo
»Dietro la lanterna
»L'innocenza di Giulio
»Un saggio di Helga Foger
»LECCE SBAROCCA
»Gli occhi di mia figlia
»La passione secondo Eva
»Equi ti amo
»A Carlo Benincasa
»Fra evasori e Stato
»Una tomba per Edipo
»Biglietto, prego
··Stefania Portaccio
»Matteo Maria Orlando
»Romano Oldrini
»Alta Moda, Ventura a Roma
»Resci in Cina
»Giuseppe Resci
»Vento freddo sull’Arneo
»Xylella fastidiosa
Conosci il Salento
Accedi all'Area Riservata
Le Aree!
»Grecia Salentina
»Nord Salento Adriatico
»Nord Salento Jonico
»Sud Salento Adriatico
»Sud Salento Jonico
Itinerari nel Salento

Stefania Portaccio: versi che sfidano il tempo e la morte

Portaccio, versi che sfidano il tempo e la morte - Francesco Greco

La mattina dopo - Stefania PortaccioE’ una poetessa pudica, “nascosta” Stefania Portaccio: dosa i suoi versi con paura, circospezione. Con impietosa autoanalisi si definisce “disonesta, stupida, ingrata”. Come dire: è a disagio nella modernità, come tutti noi d’altronde. Eppure, entrare in una Pleiade fondata da Mario Luzi e sedere accanto alla Achmatova, Jimenèz, Trakl, Queneau, Darìo, de Quevedo, e ancora Pedro Salinas, Dante Maffìa, Garcìa Lorca e quant’altri, dovrebbe almeno rassicurarla in quanto ad autostima: “volentieri nutro appena posso quell’altra parte di me che è spada, spacca il pensiero come un’anguria e sputa i semi”, mentre “ridiamo trafitte dal divino”.

“La mattina dopo” (Poesie 2007-2010), Passigli Editore, Firenze 2011, pp. 112. € 14 (prefazione di Alberto Bertoni), è “una storia di amanti / dal sesso tardo e puro / di carte false per tenere duro”. Una pietra che aggiunge alla sua produzione iniziata con la vittoria al Premio Montale (inediti) nel 1986, dandole dignità e forza, proseguendo un discorso coerente nel senso di un poetare militante, esigente, rigoroso, e in tal modo collocandola fra le voci più autorevoli e potenti della poesia sospesa tra la fine del XX e l’alba del XXI secolo.

A questo punto il lettore si chiederà: qual’è la password per “entrare” nel mondo poetico, nell’officina della poetessa pugliese (nata a Lecce, vive a Roma)? Nella sua poesia della forma e del senso? (“Dare la forma e il senso, badessa mia, mi dà soddisfazione molto maggiore che narrare le avventure nude e crude”). E’ il passato, il respiro dei grandi d’ogni tempo che riecheggiano in ogni suo verso: sulle loro spalle si è appollaiata: Calvino, Pamuk, Renoir, Stephen King, Grossman. Un “tribute” che la Portaccio paga volentieri. Perché solo così riesce a vedere quello che tutti noi presi dalla volgare quotidianità e le sue miserie non osserviamo. I suoi non sensi, le rimozioni, le sublimazioni. Quello che in definitiva non vogliamo vedere perché vorremmo starcene “tutto il tempo nell’abbaglio: / un’isola di luce e di giacinti / tutta impigrita tutta intenta / ai colloqui divini” (“il mare comanda”).

Organizzata in 7 sezioni, la sua è una poesia dell’azzardo, “a bilanciare assenze”. Punta alla nudità della parola, alla sua quintessenza, nell’”antro dove risuona il fragore / della vita, lo stupefacente suo vigore”. Si spinge con coraggio, senza alibi, oltre l’oggettività, la materia, la volgarità che come peplo malefico ci avvolge: “…svegliami / ridammi l’estate”. In cerca di qualcosa di autentico e di vero: la sintonia perduta con gli altri e l’Universo che provoca in noi lo sgomento che provava Leopardi perché ”la morte è il pane aspro / che ci dai all’alba per la giornata densa…”. In cerca di una nuova koinè perchè “ci sono dentro i giorni tetri / incanti, della riscoperta di un nuovo etimo delle parole “che sono rostri / punte con veleno lanciafiamme”, che ci aiuti a superare la “pagina vuota”, la notte e vedere il nuovo giorno per riuscire finalmente a “vivere sull’orlo, perchè nell’orlo è la bellezza del noi”.

Ultimo aggiornamento: 26/09/2012 (10:07)

Facebook
Iscriviti al nostro
Gruppo su Facebook

Segnala la pagina

Da leggere:
»Pro loco del Salento
»Le Tavole di San Giuseppe
»Da vedere a Cutrofiano
»I Luoghi di Don T. Bello
»Da Otranto a Leuca
»Santa Sofia
»Sorgenti libere!
Soggiornare nel Salento!

La tua Struttura

Vuoi inserire la tua Struttura Ricettiva su ProlocoSalento? Contattaci...
Tel. 368/3413297

Versione StampabileVersione stampabile

Cerca nel Portale delle Pro Loco
 
Home Il Consiglio Modulo di Contatto Segnala il Sito Cerca GuestBook

Ass.ne Pro Loco del Salento
Viale Francesco Ferrari 5, Casarano Lecce
Per informazioni: Tel./Fax 0833/513351
Giuseppe Botrugno: e-mail - Beatrice Arcano: e-mail
E-mail: info@prolocosalento.it
Vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti del sito.
L'Associazione non è responsabile
dei documenti e delle foto pubblicate dalle singole Associazioni aderenti.