Contatto Segnala il Sito
Pagina iniziale del PortaleCerca nel Portale
Home » Mandorle riccie  
Piatti delle feste
»Le pittule
»Pucce e pizzi
»RAPE 'NFUCATE
»BACCALA'
»VERMICELLI CU LU BACCALA’
»Capitone arrostito
»Insalata di polipo
»Calamari ripieni
»Le verdure fresche
»Agnello alla gallipolina
»Dolci di Natale
»Cenone di capodanno
»Sartù di riso
»Pasticciotto
»Sagne 'ncanulate
»Ciceri e tria
»Zeppole
»Polpette di cavallo
··Mandorle riccie
»Spaghetti: sugo di cozze
»Simulata con le cozze
»Riso, cozze e patate
»Lampascioni
»Quaresimali
»Agnello al forno
Conosci il Salento
Accedi all'Area Riservata
Le Aree!
»Grecia Salentina
»Nord Salento Adriatico
»Nord Salento Jonico
»Sud Salento Adriatico
»Sud Salento Jonico
Itinerari nel Salento

Mandorle riccie o confetti ricci

MANDORLE RICCIE

Mandorle riccie

Le cosiddette Mandorle ricce, dette anche confetti ricci, costituivano prima dell’universale diffusione delle chiacchiere, uno dei prodotti gastronomici tradizionalmente più legati al Carnevale.

La mandorla riccia è un dolciume povero e soprattutto genuino, composto da mandorle, acqua zucchero e pochi aromi naturali che in origine molte pasticcerie preparavano nel loro laboratorio.

Da qualche decennio, la gran parte della produzione proviene da laboratori industriali.

Le mandorle vengono precedentemente tostate, quindi messe ancora calde nella conca di rame appesa al soffitto. Sotto la conca si pone un braciere con braci vive di carboni di leccio, questi mantengono elevato il calore delle mandorle e su questo viene versato un po’ per volta la glassa d’acqua calda e zucchero.

Il tutto mentre l’artigiano culla sapientemente la conca, imprimendogli, tutta una serie di movimenti ondulatori.

L’operazione lentissima dura circa due ore e ciò provoca il rivestimento delle mandorle con la glassa che solidifica grazie all’elevato calore dei carboni.

Le mandorle inoltre, sfregandole le une con le altre, divengono caratteristicamente

bitorzolute, acquisiscono un abbagliante candore e un’insospettata morbidezza.

Nelle ultime fasi di lavorazione vengono aggiunti aromi naturali di cedro o limone.

I confetti vengono posti ad asciugare a temperatura ambiente in teli di cotone bianco e infine conservati in vasi di vetro a chiusura ermetica.

Progetto

Progetto a cura dei ragazzi del C.I.F.I.R di Racale coordinati dal Prof Giuseppe Botrugno A.S. 2011/2012

I PIATTI DELLE FESTE di Gallipoli e dintorni Liberamente tratti da scritti di Massimo Vaglio

Ultimo aggiornamento: 07/04/2012 (19:21)

Facebook
Iscriviti al nostro
Gruppo su Facebook

Segnala la pagina

Da leggere:
»Pro loco del Salento
»Le Tavole di San Giuseppe
»Da vedere a Cutrofiano
»I Luoghi di Don T. Bello
»Da Otranto a Leuca
»Santa Sofia
»Sorgenti libere!
Soggiornare nel Salento!

La tua Struttura

Vuoi inserire la tua Struttura Ricettiva su ProlocoSalento? Contattaci...
Tel. 368/3413297

Versione StampabileVersione stampabile

Cerca nel Portale delle Pro Loco
 
Home Il Consiglio Modulo di Contatto Segnala il Sito Cerca GuestBook

Ass.ne Pro Loco del Salento
Viale Francesco Ferrari 5, Casarano Lecce
Per informazioni: Tel./Fax 0833/513351
Giuseppe Botrugno: e-mail - Beatrice Arcano: e-mail
E-mail: info@prolocosalento.it
Vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti del sito.
L'Associazione non è responsabile
dei documenti e delle foto pubblicate dalle singole Associazioni aderenti.