Contatto Segnala il Sito
Pagina iniziale del PortaleCerca nel Portale
Home » Zeppole  
Piatti delle feste
»Le pittule
»Pucce e pizzi
»RAPE 'NFUCATE
»BACCALA'
»VERMICELLI CU LU BACCALA’
»Capitone arrostito
»Insalata di polipo
»Calamari ripieni
»Le verdure fresche
»Agnello alla gallipolina
»Dolci di Natale
»Cenone di capodanno
»Sartù di riso
»Pasticciotto
»Sagne 'ncanulate
»Ciceri e tria
··Zeppole
»Polpette di cavallo
»Mandorle riccie
»Spaghetti: sugo di cozze
»Simulata con le cozze
»Riso, cozze e patate
»Lampascioni
»Quaresimali
»Agnello al forno
Conosci il Salento
Accedi all'Area Riservata
Le Aree!
»Grecia Salentina
»Nord Salento Adriatico
»Nord Salento Jonico
»Sud Salento Adriatico
»Sud Salento Jonico
Itinerari nel Salento

Zeppole di San Giuseppe

ZEPPOLE DI S. GIUSEPPE

Zeppole di San Giuseppe

La zeppola è, nel Salento, il dolce tradizionale della festa di S.Giuseppe. Ma non si tratta propriamente di un dolce salentino, ma italiano.

Ingredienti: 500 g di farina, ½ litro di acqua, 10 uova, 100 g di strutto, zucchero semolato q.b., un pizzico di sale, olio per frittura, crema pasticcera q.b.

Preparazione: mettere sul fuoco in una casseruola l’acqua, il sale e lo strutto.

Quando inizia a bollire, toglietela dalla fiamma e versate di colpo la farina.

Rimettete la casseruola sul fuoco ne incorporate bene il tutto, in modo da formare, sempre rimestando,una una pasta consistente.

Quando la pasta si staccherà in una sola massa dalla casseruola, spegnete la fiamma.

Aggiungete le uova,una per volta, rimestando continuamente l’impasto.

Lasciate riposare per una mezz’ora.

Con un sacco a “poche” con la bocchetta a stella del diametro di circa tre centimetri realizzate di fogli di carta oleata unti di strutto delle ciambelle toroidali di una decina di centimetri di diametro.

Per la frittura occorrono due padelle colme di olio a differenti temperature;passate le zeppole prima nella padella nella padella con olio a temperatura tiepida, onde si gonfino e si rassodino, quindi passatele nella seconda padella, a temperatura maggiore perché finiscano di cuocere e acquisiscano un’invitante colorazione bruno dorata.

Sgocciolatele, e quando si raffreddano cospargetele di zucchero semolato, quindi guarnitele,a mezzo della sacca, di crema pasticcera e spolverizzatele di cannella.

Progetto

Progetto a cura dei ragazzi del C.I.F.I.R di Racale coordinati dal Prof Giuseppe Botrugno A.S. 2011/2012

I PIATTI DELLE FESTE di Gallipoli e dintorni Liberamente tratti da scritti di Massimo Vaglio

Ultimo aggiornamento: 07/04/2012 (18:41)

Facebook
Iscriviti al nostro
Gruppo su Facebook

Segnala la pagina

Da leggere:
»Pro loco del Salento
»Le Tavole di San Giuseppe
»Da vedere a Cutrofiano
»I Luoghi di Don T. Bello
»Da Otranto a Leuca
»Santa Sofia
»Sorgenti libere!
Soggiornare nel Salento!

La tua Struttura

Vuoi inserire la tua Struttura Ricettiva su ProlocoSalento? Contattaci...
Tel. 368/3413297

Versione StampabileVersione stampabile

Cerca nel Portale delle Pro Loco
 
Home Il Consiglio Modulo di Contatto Segnala il Sito Cerca GuestBook

Ass.ne Pro Loco del Salento
Viale Francesco Ferrari 5, Casarano Lecce
Per informazioni: Tel./Fax 0833/513351
Giuseppe Botrugno: e-mail - Beatrice Arcano: e-mail
E-mail: info@prolocosalento.it
Vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti del sito.
L'Associazione non è responsabile
dei documenti e delle foto pubblicate dalle singole Associazioni aderenti.